NAJA TRIPUDIANS

NAJA TRIPUDIANS

16,00

– Perché fuma in quel modo? – chiese.

– Fuma dell’oppio – spiegò Neversol. – Adesso dormirà. E sognerà.

– Dell’oppio? Perché? È ammalato?

– Siamo tutti ammalati, piccola Myosotis, tutti ammalati – disse Neversol, fissandole in viso gli occhi torbidi e profondi. – Ammalati della vita; ammalati di dolore, ammalati di piacere. Acquattate dentro di noi ci stanno delle belve che rugghiano e ululano, e ci rodono i visceri, ci dilaniano i nervi, ci succhiano le vene. E bisogna farle tacere e dormire.

– Che cosa dite? Di che belve parlate? – mormorò Myosotis.

– Le conoscerete, le conoscerete un giorno le belve… Le conoscerete un giorno anche voi, o celeste-occhiuta Myosotis!

Annie Vivanti presenta un’immagine estremamente perturbante della Londra del primo dopoguerra. Le protagoniste, le sorelline Mysotis e Leslie, sono ben presto costrette a districarsi tra le spire dei serpenti nascosti tra i membri dell’alta società londinese, arrivando a fare i conti con l’inevitabile perdita dell’innocenza. Il romanzo, attraversato da un crescente senso di tragedia, offre una tanto spietata quanto profetica visione di una società che ancora oggi, secolo dopo la prima edizione, preferisce troppo spesso rifugiarsi nella comodità dei vizi e dell’ozio piuttosto che fare i conti con i propri lati peggiori. Naja Tripudians travalica i confini spazio-temporali della realtà inglese del primo Novecento per farsi portavoce universale di un terribile messaggio di denuncia dei mali che sempre si presentano nelle società umane.

Numero pagine:
ISBN:
Il libro è previsto per la primavera 2021

Esaurito

Categorie: ,